Loading...

lunedì 28 aprile 2014

TREZZO SULL’ADDA E LO STRISCIONE FANTASMA - Comunicato stampa



A Trezzo sull’Adda, mercoledì 23 aprile 2014, è comparso, in piazza Nazionale legato alla ringhiera del Monumento ai Caduti, uno striscione inneggiante alla liberazione dei marò imprigionati in India. Fin qui nulla di male; tutti vogliamo che i nostri soldati tornino a casa.

Il pomeriggio stesso lo striscione viene rimosso. Ricompare oggi, 25 aprile 2014, durante i discorsi conclusivi, per la commemorazione del 69° della Liberazione, sulla ringhiera della terrazza del Municipio, lato parcheggio interno, di via Roma.

La presenza è notata da un partecipante alla manifestazione che la indica al Sindaco Villa facendo notare, cosa anche da me rilevata il giorno 23 aprile, una firma in basso a destra dello striscione: F.T. inframmezzata da un tricolore. F.T. verosimilmente le iniziali della forza neofascista Fiamma Tricolore.

La piazza chiede a gran voce che venga rimosso dalla cima del palazzo comunale cosa che anche io, alla fine del mio intervento come Presidente della sezione ANPI cittadina, chiedo al Sindaco.

La risposta? Il signor Sindaco Villa si rifà a Voltaire e al suo pensiero liberale che propugna la libertà di pensiero.

Giusto. Ho quindi ricordato al signor Sindaco che gli ispiratori del movimento neofascista, i fascisti di Mussolini, hanno tolto per vent’anni la libertà di parola a tutti i cittadini italiani e che solo il sangue dei partigiani, che i repubblichini fascisti fedeli servitori dei nazisti avevano sparso, ha ridato la libertà di parola e pensiero a tutti noi e anche a loro.

Per aggiunta Fiamma Tricolore sarà presente con una lista alle prossime elezioni amministrative trezzesi del 25 maggio 2014.

Possiamo pensare che lo stesso trattamento, questa pubblicità gratuita, verrà concesso anche alle altre liste concorrenti?

Noi, come ANPI, speriamo di no perché lo troveremmo quantomeno disdicevole e contrario ai principi costituzionali. Chiediamo che lo striscione venga rimosso dal Municipio che è la casa di tutti i trezzesi non di una parte. Auguriamo ai nostri marò, che rappresentano tutta l’Italia non solo un partito, di tornare presto a casa.
 
P.s.: il giorno 26 aprile 2014 è stata inviata all'ufficio di protocollo e al Signor Sindaco, una richiesta formale, come ANPI, di rimozione dello striscione quest'ultimo ancora presente alla consegna del documento.

Trezzo sull’Adda, 25 aprile 2014

              IL PRESIDENTE
                Carmine Femina                     



 

25 APRILE 1945 - 25 APRILE 2014 69° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE - Discorso del Presidente sezionale ANPI di Trezzo Sull'adda


Un saluto alle cittadine e ai cittadini trezzesi alle autorità civili, militari, religiose, alle associazioni, ai partiti, ai sindacati e liste civiche.
Voglio iniziare ricordando una figura d’uomo importante, non solo per la sezione ANPI che ho l’onore di presiedere, ma per la storia, anche recente, di Trezzo sull’Adda: Alfredo Cortiana nome di battaglia Enzo comandante partigiano del distaccamento di Cinisello Balsamo della 119^ Brigata Garibaldi S.A.P. Quintino Di Vona e molto altro per la nostra cittadina e per la nostra associazione, scomparso lo scorso agosto; ciao Alfredo.

Oggi festeggiamo il 69° anniversario della Liberazione dall’oppressione fascista e nazista e lo facciamo in un momento delicato per l’Europa.
La guerra di Liberazione e il sacrificio di donne e uomini, in Italia come in tutta Europa, ha portato una nuova consapevolezza: mai più guerre nel Vecchio Continente.

Da Ventotene con l’opera dei confinati antifascisti, in particolare quella di Altiero Spinelli, venne l’idea di una Europa nuova delle nazioni e non dei nazionalismi, causa di guerre fratricide, di un luogo di pace, prosperità, progresso e benessere per gli europei e per il mondo intero; oggi vediamo in pericolo tale sogno.

L’avanzare di formazioni politiche populiste, non liberali, conservatrici, autoritarie e, spesso, razziste ci preoccupa fortemente. Queste tendenze, che minerebbero alla base la stessa unione fra gli Stati europei e la sua forza, vanno respinte, perché, se riuscissero a prevalere, non solo produrrebbero la disgregazione dell’Europa, ma farebbero rinascere, in vari Paesi, pericolose forme di nazionalismo. Oltre che per porre argine a tale pericolo, il voto sarà l’occasione per cambiare l’Europa, dando alle sue istituzioni un volto nuovo, davvero unitario ed efficace e un indirizzo sociale diverso da quello fin qui attuato per porre un freno alla crisi imperante.

 In una fase così delicata e complessa della vita del nostro Paese e dell’Europa sarebbe davvero assurdo rinunciare all’esercizio di un diritto fondamentale, in cui si esprime la sovranità popolare.

Si impone una svolta nella politica, che deve essere forte, per una Europa unitaria, sociale, senza rigorismi inutili e dannosi e proiettata, anziché alla semplice difesa contro la crisi, al rilancio, allo sviluppo, all’incoraggiamento della crescita ed alla creazione di nuovi posti di lavoro, e di lavoro dignitoso,  rimettendolo al centro come elemento fondamentale per lo sviluppo della persona, di  cittadine e cittadini, abitanti di una Unione Europea che sia promotrice, come era nelle intenzioni del Manifesto di Ventotene e dei sottoscrittori dei Trattati di Roma del 1957,  di innovazione sul piano politico, sociale ed economico fautrice di un progresso nuovo volto al benessere comune di tutti gli europei e non solo. Serve una Europa così descritta in un mondo attraversato da venti di guerra e colpito da violente spinte discriminatorie, nel quale prosperano ed aumentano le disuguaglianze, le privazioni di libertà, la perdita della dignità umana.

Come ANPI auspichiamo che  le votazioni europee si svolgano all’insegna dell’antifascismo e della democrazia ottenuta attraverso la Resistenza, di tutti gli europei,  al nazifascismo; e per questo fine devono impegnarsi non solo i partiti ma anche i cittadini che aspirano ad un futuro civile, sociale, democratico e di pace.
Dobbiamo difendere, in questa difficile fase, il sacrificio di coloro, che quasi settanta anni fa, si batterono anche perché non ci fossero più guerre e perché si guardasse al futuro con rinnovata speranza.
Come ANPI auspichiamo che le forze politiche, alle prossime elezioni amministrative italiane del 25 maggio 2014, si ispirino ai principi nati dalla Resistenza e presenti nella nostra Costituzione: antifascismo, democrazia, attenzione al bene comune e rappresentazione di tutte le proposte in campo.
Prima di concludere mi preme ricordare un altro anniversario importante. Un anniversario che parla anch’esso di sacrificio per la libertà e per la dignità del nostro Paese: il 200°  anno dalla fondazione dell’Arma dei Carabinieri.
Voglio ricordare alcuni episodi e fatti:
Nella Repubblica Sociale Italiana. Rapporti della Guardia Nazionale Repubblicana:
“I Carabinieri Reali, pur rispettando formalmente ordini e gerarchie, avevano un atteggiamento che variava dall'indifferenza e dalla resistenza passiva all'aperta opposizione al regime nazifascista. I rapporti dell'epoca stilati dai rivali della Guardia Nazionale Repubblicana erano quanto mai espliciti in merito. «II contegno dei Carabinieri, fazioso ed anti Asse ... è sfociato addirittura in opera di sabotaggio» (Milano).«I comandi Carabinieri rifiutano di arrestare i prigionieri evasi, aggiungendo che i prigionieri siamo noi e non loro'... ed esortano la gioventù a darsi alla montagna» (Lucca). «Nella collaborazione dei Carabinieri... si deve rilevare come... esista una specie di tolleranza sia nella ricerca dei precettati sia nei riguardi di reati di carattere politico» (Casale Monferrato)”
All’estero
A Cefalonia la divisione Acqui e i suoi carabinieri della 2ª compagnia (7° battaglione mobilitato) e della 27ª sezione decisero di resistere, anche se la situazione era disperata. Nella piazza principale di Argostoli, sotto gli occhi allibiti delle impettite sentinelle tedesche, il sottotenente Orazio Petruccelli ammainò la croce uncinata e issò il tricolore. Pagò il gesto eroico con la morte. Scene analoghe si svolsero a Corfù e nel Dodecaneso.
In Jugoslavia, a Spalato, si costituì per iniziativa del colonnello Luigi Venerandi e del colonnello Attilio Venosta il battaglione Carabinieri Garibaldi. Entrarono subito in azione contro il caposaldo germanico di Clissa (13-14 settembre), soccorrendo un reparto di partigiani slavi in difficoltà. Tito inserì la nuova formazione nella 1ª brigata proletaria. Il battaglione fu il nucleo dal quale nacquero la brigata e la divisione Italia.
25 aprile 1945
Al momento dell'insurrezione generale, ordinata il 25 aprile 1945, i 700 carabinieri della "Banda Gerolamo" del maggiore Giovannini intensificarono la loro attività e parteciparono nei giorni 25, 26 e 27 alla liberazione di Milano. Secondo i piani prestabiliti e decisi in armonia col C.L.N. varie squadre di Carabinieri occuparono tempestivamente le caserme della città, assicurando i necessari servizi d'ordine e di difesa degli edifici pubblici e rastrellando ingente quantità di materiale e documenti. (……) Il 27 aprile anche Piacenza venne liberata da una Divisione partigiana: a comandarla era il tenente dei Carabinieri Fausto Cossu, che il 27 aprile sfilò alla testa della sua unità per le vie della città esultante. La formazione del tenente Cossu ebbe grandi meriti nella lotta ai nazifascisti.
Alla fine della guerra di Liberazione dalle file dell'Arma non risposero 2.735 militari, caduti in soli venti mesi di lotta partigiana; 6.521 risultarono i feriti.
Un così alto tributo di sangue ha avuto i seguenti riconoscimenti alla Bandiera dell'Arma:

1 Medaglia d'Argento al Valor Militare;

ad ufficiali, sottufficiali, appuntati e carabinieri:

2 Croci di Cavaliere dell'Ordine Militare d'Italia;

32 Medaglie d'Oro al Valor Militare;

122 Medaglie d'Argento al Valor Militare;

208 Medaglie di Bronzo al Valor Militare;

354 Croci di Guerra al Valor Militare.

Non sempre, così come agli altri combattenti partigiani, abbiamo detto una semplice parola: GRAZIE.

W la Resistenza, W la Repubblica, W la Costituzione e W l’Europa unita e pacifica.

Trezzo sull’Adda 25 aprile 2014
 
 
 
 

mercoledì 29 gennaio 2014

Giornata della Memoria - Trezzo sull'Adda 26 gennaio 2014

Il Comitato Direttivo della sezione ANPI di Trezzo sull’Adda vuole ringraziare tutti i partecipanti all’incontro, avvenuto presso Auser Libro Aperto in piazza Nazionale 18, del 26 gennaio 2014 per la Giornata della Memoria.
In particolar modo: la presidente del Libro Aperto, il Comitato antifascista trezzese, ed il suo Presidente, l’Associazione Soldelladda, Cesare Bonfanti e la Camera del Lavoro di Monza e Brianza che ha fornito il filmato.
Ringraziamo la nutrita rappresentanza della giunta comunale dal Sindaco ai gruppi consiliari di maggioranza ed opposizione, le associazioni, partiti e sindacati.
Il Comitato Direttivo
il Presidente
ANPI Trezzo sull’Adda

GIORNATA DELLA MEMORIA 27 GENNAIO 1945 - 27 GENNAIO 2014 - OPERAIO, COMUNISTA, MATRICOLA 61606

E’ un bene che migliaia di milanesi affollino il Memoriale del Binario 21, il luogo da cui partirono i convogli che i nazisti, con l’attiva collaborazione di fascisti italiani, usavano per mandare a morire nei campi di sterminio.
C’è poi un altro tipo di memoria che andrebbe esercitata, in tutti i giorni dell’anno e in tanti luoghi della città. Una memoria più selettiva, per non dimenticarsi delle singole persone. Dietro casa mia, per esempio, al numero 35 di via Carlo Farini, una lapide ricorda Umberto Chionna, nato il 28 febbraio del 1911 e morto a Mauthausen il 23 aprile del 1945. “Caduto per la libertà”, dice la scritta.

Lapidi come questa sono ovunque, e non raccontano mai abbastanza. Umberto Chionna era nato a Brindisi, di mestiere falegname, comunista. A 15 anni entrò nella sezione giovanile clandestina, venne arrestato e condannato a tre anni di carcere. Scontata la pena, riprese la militanza. Arrestato nel 1931 per “attività sovversiva” e condannato a tre anni di confino a Lipari, fu liberato in anticipo nel 1932, nella ricorrenza del decennale fascista. Venne al Nord, entrò come operaio alla Pirelli, e partecipò agli scioperi del ’44.

La notte del 16 marzo, mentre per la via dei tetti andava a trovare la moglie incinta del secondo figlio, fu preso in una retata. Recluso a San Vittore, fu trasferito con i suoi compagni in una caserma di Bergamo. La notte del 6 aprile un vagone piombato lo deportò a Mauthausen, numero di matricola 61606. Intervenne a difesa di un compagno, che veniva picchiato dalle SS, e lo ridussero in fin di vita. Morì il 23 aprile, due settimane prima dell’arrivo degli americani.
dal blog 20 Righe di Fabrizio Ravelli - Repubblica.it/Milano del 28 gennaio 2014

LA GIORNATA DELLA MEMORIA 27 GENNAIO 1945 - 27 GENNAIO 2014 - INIZIATIVA DELL'ANPI DI CAPRIATE

In occasione della giornata della memoria l’ANPI di Capriate organizza una conferenza dal titolo:

RIFLESSIONI A PARTIRE DALLA FOTO DEL BAMBINO DI VARSAVIA.

Sabato 1 febbraio 2014 ore 21.00 Biblioteca di Capriate San Gervasio.Relatore Prof. Mario Pellicioli

Speriamo tanto di poterci rivedere in questa occasione.

martedì 15 ottobre 2013

Per la costruzione di una memoria europea

Per la costruzione di una memoria europea

Milano / 18 - 19 ottobre 2013
"Settant’anni dall’8 settembre 1943". Per la costruzione di una memoria europea. Il peso delle responsabilità storiche di Italia e Germania.
Questi i temi che affronterà il convegno che si svolgerà a Milano il 18 e 19 ottobre presso la Sala Convegni Fondazione Memoria della Deportazione - Biblioteca Archivio Pina e Aldo Ravelli (Via Dogana 3 MM 1- 3 Duomo).
Programma venerdì 18 ottobre
Ore 16 - Saluti delle autorità e del presidente della Fondazione Gianfranco Maris.
Presiede Luigi Ganapini.
Enzo Collotti, relazione introduttiva.
ore 16.45 - Nicola Labanca, Il problema del silenzio:il passato coloniale dell’Italia.
ore 17.45 - Filippo Focardi, La lotta contro il “comune nemico” tedesco e la rimozione delle responsabilità italiane nella guerra dell’Asse.
ore 18.30 - Discussione.
Sabato 19 ottobre
Ore 9.30 - Presiede Giovanna Massariello.
Luigi Ganapini, L’8 settembre nella memoria degli italiani.
Ore 10.15 - Thomas Altmeyer, Il lavoro dei siti di memoria e storia in Germania.
Ore 11.15 - Lore Kleiber, La Casa della Conferenza di Wansee: la sua funzione simbolica e l’importanza attuale nel contesto dei luoghi di memoria a Berlino.
Ore 12 - Discussione.
Ore 15.00 - Presiede Massimo Castoldi.
Mimmo Franzinelli, I conti mancati con la dittatura: l’amnistia Togliatti.
Ore 15.45 - Raoul Pupo, Per una storia critica delle vicende del confine orientale.
ore 16.30 - Paolo Jedlowski, La difficile costruzione di una memoria autocritica.
ore 17.15 - Discussione finale.
È prevista la traduzione simultanea degli interventi.
Info: Fondazione Memoria della Deportazione, tel. 02 87383240
Si prega di prenotare la partecipazione all’evento: segreteria@fondazionememoria.it